espressosera_logo

Info & Contatti

Sitemap

Categorie News

Categorie News

espressosera_logo_white2

Tutte le News

Per qualsiasi informazione sugli articoli della testata:

 

info@espressosera.com

direttore@espressosera.com

commerciale@espressosera.com

newsletter@espressosera.com

segnalazioni@espressosera.com

Epifanio Nicosia

Direttore responsabile

 

 

Salone del libro: Carmelo di Gesaro intervista il Prof. Stefano Mancuso.

2024-05-23 08:06

author

Cultura, In evidenza, In evidenza oggi,

Salone del libro: Carmelo di Gesaro intervista il Prof. Stefano Mancuso.

Una ricetta per raffreddare le nostre cittàDal Salone del Libro di Torino, l’intervista al Prof. Stefano MancusoDi Carmelo Di Gesaro  In Italia, il Sa

Una ricetta per raffreddare le nostre città

Dal Salone del Libro di Torino, l’intervista al Prof. Stefano Mancuso

Di Carmelo Di Gesaro

 

 

In Italia, il Salone Internazionale del Libro di Torino è sempre più un evento mondano che, tuttavia, mantiene nel suo DNA la sacra centralità del libro. Questa vocazione modaiola sposta spesso l’attenzione verso il “chi” sarà presente alla rassegna, più che sui contenuti e gli argomenti che si presentano. Ad ogni modo, acquistare un biglietto, fare ore e ore di fila indifesi davanti agli eventi atmosferici fuori controllo, e litigare all'ultimo momento per accedere all’incontro che aspetti da mesi, ha sempre un sapore meraviglioso.

 

I motivi, chiaramente, sono diversi e, dal mio punto di vista, almeno due sono fondamentali. La prima ragione è che si possono comprare decine e decine di libri in una sorta di paradiso erotico della carta. La seconda è che, oltre a poter acquistare le opere preferite, hai pure la chance di fartele autografare dal tuo scrittore o dall’ autrice del cuore. Questo di fatto trasforma un po' tutti, e dico tutti, anche noi che abbiamo superato abbondantemente i quarant’anni, in delle groupies davanti a Simon Le Bon ai tempi d’oro. Certo, a patto che tu sia disposto a farti file sotto una pioggia devastante o sotto la pressione del sole cocente.

 

In ogni caso, un’ulteriore motivazione può arrivare dalla possibilità di ottenere uno sconto vantaggioso anche sugli autori più conosciuti. Se infatti riesci ad arrivare vivo al lunedì, cioè l’ultimo giorno di apertura al pubblico della fiera, puoi avere l’opportunità di concludere diversi affari. Tipo il 3x2 sulle case editrici meno note o il 20% dalle più famose. Ovviamente, sempre che tu riesca a raggiungere  quella data con qualche soldo in tasca. Sì, perché una delle cose “che nessuno vi dirà mai” è che a Torino in quei giorni quasi tutto costa il doppio, se non il triplo. A partire dagli hotel, risicati e con matrimoniali che partono da 100€ a notte, per finire al cibo venduto all’interno del Salone, dove un gelatino delle dimensioni di una scatola di sigarette quest’anno partiva da 3.50€. Ecco, non proprio prezzi popolari. Il che lascia spazio alla classica domanda retorica che siamo soliti farci noi salottieri: “ma la cultura non doveva essere accessibile a tutti?”. Sì, ma non sembra essere questo il caso. Tuttavia, fa sempre piacere assistere alla grande partecipazione che assicurano le scuole e gli insegnanti, sebbene io non abbia i dati di provenienza. Dubito, invero, che dalla Sicilia e dalla Calabria si spostino con la stessa facilità con cui arrivano dalla Lombardia e dalle altre città del Piemonte. In ogni caso, le oltre 200mila persone che vi hanno preso parte sono sempre un qualcosa da considerare in positivo.

Mettendo da parte ulteriori considerazioni, il mio Salone ha raggiunto alcuni degli obiettivi che m’ero prefissato prima della partenza. Tra questi, intervistare per il mio podcast “Diario di un disoccupato di William Galt” alcune personalità della scrittura, cercando ad esempio di ottenere uno scambio di battute col professor Stefano Mancuso.

 

Stefano Mancuso, per chi non lo sapesse, è una dei massimi esperti di botanica del mondo e, tra le tante attività che lo riguardano, un saggista di grandissimo livello nonché divulgatore eccezionale. Ha partecipato al Salone del Libro di quest’anno presentando diversi testi, tra cui “Fitopolis, la città vivente” per Laterza editore, “Il favoloso mondo delle piante” per Aboca edizioni ma anche il suo podcast “Di sana pianta” prodotto da Chora Media. Manco a dirlo, se non li avete ancora comprati o non avete ascoltato le puntate, è arrivato il momento per farlo!

Questo perché il sapere del professore investe buona parte della nostra esistenza, con particolare attenzione a ciò che ci circonda e a quella che chiamiamo natura. Le piante, infatti, sono la principale ragione del suo lavoro e a queste è dedicato tutto il suo sforzo divulgativo. Fate attenzione però: sia nell’uno che nell’altro caso, non vi troverete davanti alla spiegazione di come si cura un giardino o come si piantano i pomodori. No, le lezioni del professor Mancuso sono delle vere lectio magistralis sull’importanza che le piante hanno per la nostra sopravvivenza sulla Terra. Vanno affrontate come ricette vere e soluzioni possibili, ad esempio, per contrastare il cambiamento climatico, raffreddare le nostre città o tutelare il bello che ci offre questo pianeta. 

 

Animato da questo spirito, dunque, ho tentato di approcciare l’autore con l’obiettivo di trovare un momento per fargli alcune domande che desideravo inserire nel mio podcast. Per riuscirci, ho dovuto pazientare un po'. Cionondimeno, dopo una serie di tentativi falliti e solo dopo aver assistito alla presentazione de “Il favoloso mondo delle piante” e l’infinita attesa del tradizionale firma copie, sono stato ammesso alla corte per una chiacchierata. 

Con onestà, ammetto sin da subito che la lista di domande che avevo preparato da giorni è stata la prima cosa a cui ho dovuto rinunciare. I tempi ristretti del Salone e la quantità di attività cui sono sottoposti gli scrittori “di grido” non rendono facile la partecipazione ad ulteriori impegni, specialmente quando gli intervistatori non hanno alle spalle editori e redazioni di cartello. Tuttavia, la fatica è stata ripagata dalla disponibilità che lo stesso Mancuso ha dimostrato nei miei confronti e perciò eccoci qua.

 

D. Buongiorno Professore e grazie per la disponibilità. Intanto parto da una riflessione. Lei propone spesso come ricetta e soluzione al cambiamento il fatto che le macchine debbano essere sempre meno in favore di nuove strade popolate da alberi. Lo dice dalla città di Torino, che è la città dell'auto per eccellenza.

R. “Sì, beh sì, lo dico da Torino, che dall’essere stata la città dell'auto dovrebbe diventare la città post-auto. Io credo, anzi, sono fermamente convinto che l'unico modo per raffreddare le nostre città passi dalla rimozione di una parte significativa dell’asfalto in favore degli alberi. Raffreddare le città infatti diventerà presto il nostro problema fondamentale, in verità lo è già, ma nei prossimi anni diventerà sempre più pressante. Non si può risolverlo in altra maniera che togliendo superficie alle strade per darla agli alberi. Quindi, togliendo queste strade, togliendo l'asfalto, e al loro posto, arrivare a delle vie di alberi. Dobbiamo arrivare a una quantità molto elevata di alberi nelle città che raffredderebbero il tutto. Questa è l'unica maniera che conosciamo per raffreddare un ambiente come quello urbano.”

 

D. A proposito degli alberi, lei soprattutto nell'esperienza podcast che sta seguendo con Chora media fa spesso riferimento al fatto che gli alberi siano anche il simbolo della resilienza dell’umanità e della vita sul pianeta Terra. Una di queste storie che mi ha colpito particolarmente è quella dell'albero Falcone, che oggi vive in grandissima difficoltà, ed è stato spogliato, insomma, di tutti gli altri simboli che rappresenta, proprio perché in pericolo.

R. “Guardi, gli alberi della libertà sono una costante della storia umana, perlomeno dalla rivoluzione americana in poi. L'albero è sempre stato un simbolo di libertà, anche prima direi. Dalla rivoluzione americana e poi da quella francese in poi, ci sono stati alcuni alberi specifici che sono diventati dei simboli della lotta e della resistenza dei popoli.

In Italia, a Palermo, abbiamo questo straordinario esempio dell'albero di Falcone, un ficus che cresce lì in via Notarbartolo, esattamente fuori dal palazzo, fuori dal cemento, fuori da un quadrato di cemento, fuori dalla casa dove abitava il giudice Falcone. Ed è un albero enorme che davvero simboleggia, con la sua stessa presenza in un luogo del genere, la capacità di resistenza e di lotta, direi così, di un popolo. Dalla strage di Capaci in poi, quell'albero è diventato proprio il luogo in cui si raccoglievano le persone ogni anno per ricordare e per commemorare quel terribile attentato, per appendere all'albero, come dire, una specie di ex voto laici. Insomma, era un simbolo ed è un simbolo fondamentale. Andrebbe curato. Non si può lasciare in quelle condizioni. Non si può sicuramente pensare che un albero talmente importante vada incontro a una fine non degna.”

 

D. Il fatto che oggi quest’albero stia così male è la fotografia di un declino?

R. “No, non lo so. Non lo so. Se è la fotografia… ma, non è un bel segno. Però, ecco, il segno importante è che sia un albero così potente, così capace di risolvere problemi, da rompere l'asfalto, da espandersi, da piegarsi per riuscire a crescere oltre i balconi e il palazzo. È veramente una forma di resistenza personificata. Io mi auguro, davvero mi auguro, che faremo di tutto per mantenerlo. E spero che davvero non diventi un simbolo al contrario: della sconfitta, di questa voglia di rinascita”

 

D. Grazie è stato gentilissimo

R. “Grazie a lei”

 

Se vuoi ascoltare la puntata del podcast del “Diario di un disoccupato” segui questo link:  https://www.spreaker.com/episode/diario-s1-g30-7-secondi-d-applauso-al-niente--56683990

 


Testata edita ai sensi dell'art.3-bis, comma 1, del D.Lgs 63/2012 come convertito dalla legge n 103/2012; ed ai sensi dell'art.46, comma 2, della legge n 69/1963

Riservato ogni diritto ed utilizzo - vietata la riproduzione anche parziale | Il materiale inviatoci, anche se non pubblicato, non verra' restituito

 

 

Sito web realizzato da Flazio Experience

Articoli popolari oggi

blog-detail

Argomenti di distrazione di massa per l’estate. Pug e Porto di Catania in freezer che fa caldo.
Politica, In evidenza oggi,

Argomenti di distrazione di massa per l’estate. Pug e Porto di Catania in freezer che fa caldo.

author

2024-06-29 14:57

Gli argomenti di distrazione di massa sono quei temi o anche semplici questioni che portano a discutere spesso inutilmente di cose di importanza relat

Satnam Singh, l’ennesima vittima del caporalato
Attualità, In evidenza oggi,

Satnam Singh, l’ennesima vittima del caporalato

author

2024-06-25 12:12

Satnam Singh. Non semplicemente il bracciante indiano, né uno dei tanti “immigrati” che fa quel genere di lavoro “che gli italiani non vogliono più fa

A Catania ognuno fa quel che vuole. Anche spargere sostanze probabilmente dannose.
Cronaca, In evidenza,

A Catania ognuno fa quel che vuole. Anche spargere sostanze probabilmente dannose.

author

2024-07-10 16:07

Succede che a Catania ci si permette di tutto.Non di spazzatura, in questo caso, ma di probabile veleno. Sparso in grande quantità e di colore verdast

Centro storico, sequestri e sanzioni per operatori abusivi di spremi agrumi.
Cronaca, In evidenza oggi,

Centro storico, sequestri e sanzioni per operatori abusivi di spremi agrumi.

author

2024-07-08 17:20

Comunicato stampa In esecuzione degli specifici indirizzi impartiti dal sindaco Trantino e dall’assessore Porto di contrasto all’abusivismo commercial

Cenere dell'Etna: quattro chiacchiere con Danilo Pulvirenti.
Ambiente, In evidenza, In evidenza oggi,

Cenere dell'Etna: quattro chiacchiere con Danilo Pulvirenti.

author

2024-07-08 16:49

Ma chi la toglie la cenere vulcanica che è caduta in città? Il sito del Comune di Catania in un comunicato afferma che tra oggi e domani… Continua la

Camioncino della differenziata in controsenso in una strada stretta. Ma chi li autorizza a fare ciò?
Cronaca, In evidenza, In evidenza oggi,

Camioncino della differenziata in controsenso in una strada stretta. Ma chi li autorizza a fare ciò?

author

2024-07-08 09:22

Che il Sindaco colloqui con la cittadinanza via facebook per comunicare cosa fa, può essere accettabile, anche se i problemi di cui tratta difficilmen

Il bisogno primario del supermercato a Catania. Come inondare una città di strutture di vendita ed essere felici.
Politica, In evidenza, In evidenza oggi,

Il bisogno primario del supermercato a Catania. Come inondare una città di strutture di vendita ed essere fel

author

2024-07-06 15:26

Che l’Italia sia un Paese vecchio lo si capisce spesso dalle date cui si fa riferimento negli atti pubblici, o come in questo caso dalla risposta all’

Volerelaluna: Interrogazioni regionali e comunali sul futuro di corso Martiri
Politica, In evidenza, In evidenza oggi,

Volerelaluna: Interrogazioni regionali e comunali sul futuro di corso Martiri

author

2024-06-29 14:36

VolerelalunaComunicato stampa n. 2/2024«Interrogazioni regionali e comunali sul futuro di corso Martiri» L’associazione Volerelaluna di Catania ha org

Il Sindaco Trantino dispone le regole per la raccolta differenziata dei Mercati Storici di domani 24/06/2024
Cronaca, In evidenza, In evidenza oggi,

Il Sindaco Trantino dispone le regole per la raccolta differenziata dei Mercati Storici di domani 24/06/2024

author

2024-06-23 17:19

Il messaggio è di domenica pomeriggio, primo pomeriggio.Il sindaco Enrico Trantino minaccia la chiusura dei mercati storici, Martedì 25 Giugno (dopodo

Natangelo presenta CENERE alla
Cultura, In evidenza, In evidenza oggi, Mario NATANGELO, Roman Henry Clarke, CENERE,

Natangelo presenta CENERE alla "Biblioteca Navarria Crifò" di Catania

author

2024-06-23 16:51

Metti un pomeriggio, tardo pomeriggio, nello spazio antistante la Biblioteca Navarra Crifò, all’ombra degli alberi in un contesto super informale, un

Isola ecologica in attesa da oltre un anno dall'annuncio. Cos’è successo?
Ambiente, Politica, In evidenza,

Isola ecologica in attesa da oltre un anno dall'annuncio. Cos’è successo?

author

2024-06-16 12:51

Avevamo dichiarato seri dubbi sull’ubicazione dell’isola ecologica di via Ammiraglio Caracciolo a Catania, che oltre un anno fa l’amministrazione Comu

Aggressione in Parlamento: Vergogna, manco ai tempi delle caverne! Calderoli allergico al tricolore…
Politica, In evidenza,

Aggressione in Parlamento: Vergogna, manco ai tempi delle caverne! Calderoli allergico al tricolore…

author

2024-06-15 17:53

Nessuno si è accorto dei gesti di Calderoli…  Il video dell’aggressione avvenuta in Parlamento dimostra la qualità di una parte degli eletti, rapprese

Il Sindaco Enrico Trantino e la sua Giunta dritti come un treno sulla pedonalizzazione del centro.
Attualità, In evidenza,

Il Sindaco Enrico Trantino e la sua Giunta dritti come un treno sulla pedonalizzazione del centro.

author

2024-06-12 17:58

Il sindaco pop (di popular) di Catania, Enrico Trantino, con un post su fb, quasi all’unisono col comunicato stampa del Comune di Catania fa sapere ur

Verde Pubblico a Catania: Parco Lizzio scandaloso ma parzialmente illuminato, adesso. E scivola disabili fuori dalle strisce pedonali.
Cronaca, In evidenza, In evidenza oggi,

Verde Pubblico a Catania: Parco Lizzio scandaloso ma parzialmente illuminato, adesso. E scivola disabili fuor

author

2024-06-09 13:09

Spazzatura, deiezioni, erba ingiallita e mal tenuta, alberi in fin di vita. Mentre s’indicono bandi e si progettano giardini pubblici megagalattici il

L’Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti e la Stamperia Braille a “Una Marina di Libri” di Palermo.
Cultura, In evidenza, In evidenza oggi, UICI, Stamperia Braille di Catania,

L’Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti e la Stamperia Braille a “Una Marina di Libri” di Palermo.

author

2024-06-07 13:00

Anche quest’anno a “Una Marina di libri” la Stamperia Regionale Braille di Catania è presente, insieme alle altre strutture dell’Unione Italiana dei C

Speciale Palermo: UNA MARINA DI LIBRI
Cultura, In evidenza, In evidenza oggi,

Speciale Palermo: UNA MARINA DI LIBRI

author

2024-06-07 08:54

Partita “Una marina di libri” e già nel primo pomeriggio di giovedì 6, l’affluenza appare oltre ogni aspettativa. Almeno la nostra.La “fiera” del libr

Revoca del divieto di dimora per Miccichè. Accolta l'istanza dall'avvocato difensore Grazia Volo.
Politica, In evidenza oggi,

Revoca del divieto di dimora per Miccichè. Accolta l'istanza dall'avvocato difensore Grazia Volo.

author

2024-06-04 11:27

Il Gip del tribunale di Palermo, Rosario Di Gioia, ha revocato il divieto di dimora a Cefalù (Palermo) per Gianfranco Miccichè, l'ex presidente dell'A

Parole d’autore - Comunicare la cultura per promuovere le idee.
Cultura, In evidenza,

Parole d’autore - Comunicare la cultura per promuovere le idee.

author

2024-06-04 11:05

Comunicato Giovedì 6 giugno alle 18, al Centro Universitario Teatrale, la sociolinguista Vera Gheno e il cantante Mario Venuti dialogano con le docent

Pinacoteca Santa Chiara, sino al 6 ottobre la mostra Caravaggio La verità della luce.
Cultura, In evidenza oggi,

Pinacoteca Santa Chiara, sino al 6 ottobre la mostra Caravaggio La verità della luce.

author

2024-06-04 10:53

Comunicato Comune di Catania Inaugurata la mostra-evento “Caravaggio. La verità della luce”, nella nuova Pinacoteca Santa Chiara, in via Castello Ursi

CORSO MARTIRI: UNA SINTESI RAGIONATA DELLA COMPLICATA VICENDA FINO A OGGI
Attualità, In evidenza, In evidenza oggi,

CORSO MARTIRI: UNA SINTESI RAGIONATA DELLA COMPLICATA VICENDA FINO A OGGI

author

2024-05-30 11:45

Settanta anni fa la Regione siciliana emanava una legge speciale (L.R. n. 13 del 1954) che approvava il progetto di "risanamento" proposto da ISTICA (